CONCORSO CENTO CITTÀ 

Massa Lombarda (Ravenna) 2001

Gli aspetti fisici presi in considerazione nel progetto attengono alla contrapposizione tra pieni e vuoti. Il progetto si è concentrato sul tema dell’addizione e della trasformazione qualitativa dello spazio costruito. Immaginare uno spazio comune multi-religioso deve comportare il progetto di uno spazio non-religioso, cioè vuoto, attorno al quale si possono trovare dei simboli che richiamano le varie identità religiose. Nel progetto di questo vuoto, che nella fattispecie coincide con il sistema delle corti esistenti, si è fatto riferimento ad un concetto presente nella cultura orientale, secondo la quale un tappeto è la rappresentazione di un giardino. Nello spazio sacro sono state ricavate tre aule destinate ad ospitare la scuola ebraica, la scuola islamica e la scuola cristiana. Il progetto di queste piccole architetture trova le sue radici nell’analisi tipologica degli edifici di culto delle tre confessioni.