ranran boldok.png

 CASE BINATE 

Marina di Ravenna (Ravenna) 1992 - 1996

Il progetto nasce da un singolare gruppo di manufatti situati a fianco dell’acquedotto comunale nella zona centrale di Marina di Ravenna, su un lotto di circa 700 m2.

L’intervento consiste nella sopraelevazione dei fabbricati esistenti, al fine di ottenere due unità immobiliari per un totale di 500 m2. Il “nuovo” è costituito da due corpi ad elle, strutturalmente autonomi, che si adagiano con indifferenza ai vecchi volumi sottostanti, dando luogo ad una serie di spazi inusitati. Data l’assenza di qualità architettonica dei fabbricati originali, l’ampliamento impone la propria autonomia formale attraverso un preciso rigore compositivo, in contrapposizione al “disordine” sottostante. Il progetto fa riferimento alle forme e ai materiali del luogo: i capanni da pesca su palafitte, costruiti nelle valli intorno a Ravenna, le ville marine dei primi del secolo, rivestite in mattoni, le piattaforme metanifere, ancorate al largo di Marina, tutte in acciaio, dipinte di bianco e azzurro.